Stile di vita

Londra con i bambini: il mio viaggio all’insegna della famiglia

Una vacanza con le mie bimbe e la mia nipotina a Londra per raccontarvi cosa vedere e cosa fare con i bimbi nella capitale britannica

Chi mi segue nei social sa che la scorsa settimana ho preso bagagli e burattini, tre figli e sono andata a Londra con la mia migliore amica e sua figlia di due anni. Programmiamo una vacanza insieme da una vita ma non riusciamo mai, complice la distanza (io vivo in toscana e lei a Torino) e i rispettivi lavori. Poi come sapete le bimbe sono state da poco a Londra, ma per lavoro e non hanno potuto vedere molto la città.

Premesso: no, non sono in crisi matrimoniale, sì, Greg mi è mancato parecchio ma sarebbe stato davvero troppo difficile gestire due passeggini e più di due bambini a testa. In fondo, mi sono detta, i miei uomini potranno resistere senza di me per tre notti, che poi sono diventate quattro visto che abbiamo perso il volo, ma questa è un’altra storia;)

In molte mi avete chiesto dove andare e cosa fare a Londra con dei bambini piccoli; ecco, Londra è una città che richiede molti giorni per essere visitata, c’è tanta storia, un pò come la nostra Roma, ma soprattutto ci sono tanti luoghi simbolo e pieni di vita. Quindi, il mio consiglio più importante è: non cercate di vedere tutto, i tour de force con bambini al seguito non sono gradevoli e nessuno di voi si divertirebbe.

Io ho scelto di non fare programmi troppo approfonditi e di cercare di far vivere alle mie bimbe la vita londinese, più che di visitare luoghi prettamente turistici. Poi certo, c’eravamo io e Barbara, un pò di sano shopping e un giro a Camden Town non potevamo non farlo!

Intanto, partiamo dall’alloggio: gli hotel inglesi sono famosi per avere camere davvero piccole e colazione non inclusa nel prezzo, quindi se viaggiate con i bambini vi direi di scegliere come noi un appartamento ben collegato al centro. Fare la spesa non sarà un problema, perchè i supermercati male che vada sono aperti fino alle 22, ma la maggior parte di quelli più grandi fanno orario h24.

Cosa fare quando arrivate a Londra con i bambini:

  • Dagli aeroporti sono previsti servizi navette verso snodi della metro. Potete fare i biglietti direttamente in aeroporto, le navette hanno di solito una frequenza di una ogni venti minuti;
  • Vi servirà una Oyster Card, cioè la tessera elettronica che vi permette di usufruire dei mezzi di trasporto: la cattiva notizia è che i mezzi sono abbastanza costosi e nella metro raramente troverete un ascensore per il passeggino, la buona è che i bambini fino a dieci anni viaggiano ovunque gratuitamente con un adulto;
  • Se dovete portare un passeggino, cercate di munirvi di un ultraleggero richiudibile, perchè scale e scale mobili sono ovunque; per i piccolini la fascia è la soluzione migliore;
  • Questione sterline: se volete partire dall’Italia con dei contanti inglesi (in aereo potete pagare con entrambe le valute o carta) vi conviene richiederli alla vostra banca per tempo; altrimenti prelevate in loco, il cambio attualmente è di circa 1,3 (altino, ma non troppo). In ogni caso qui nessuno vi guarderà male se pagate un caffè con la carta di credito!

Le tappe “turistiche” che vi consiglio con i bambini a Londra sono queste:

  • Il Museo di Scienze Naturali in Cromwell Road: l’ho visto per la prima volta a dieci anni e ne sono rimasta letteralmente affascinata, non delude mai. Potrete vedere ricostruzioni a dimensione reale di mammuth ed animali preistorici e fare un tour virtuale molto realistico tra i dinosauri;
  • Buckingham Palace: quale bambino non sogna di vedere il cambio della guardia e il palazzo della Regina? Il cambio della guardia è molto bello anche per noi adulti, ma cercate di arrivare per tempo (c’è un orario preciso al mattino) altrimenti non vedrete NULLA;
  • I parchi: ce ne sono tanti, il mio preferito è Regent’s Park, ma tutti valgono una visita. Ok, gli scoiattoli si vedono anche in Italia, ma quelli inglesi sono abituati alle persone e non è difficile che si avvicinino ai bimbi. Nei parchi potrete mangiare, giocare, riposare, insomma, una giornata intera passa velocemente!
  • Wenstminster Abbey, il Big Ben, il London Eye: tutta la zona è bellissima e Westminster… Beh, non servono parole! Oltre alla tomba di Galileo Galilei e del fondatore dei boy scout, sarà bellissimo ed emozionante visitare le tombe dei reali inglesi, vivere attraverso l’audioguida gli intrighi di palazzo nei vari secoli ed avvicinarsi al trono dell’incoronazione.
  • Il British Museum: fuori dall’Egitto non vedranno mai un assortimento così ampio di mummie e sarcofagi, non solo di re e regine, ma anche di gatti ed animali domestici. per i più grandicelli sarà una bella emozione vedere la Stele di rosetta, quella che ha permesso di decifrare i geroglifici.
  • Il Museo delle cere di Madame Tussauds: qui potranno vedere attori, scrittori, personaggi storici di varie epoche ricreati in modo perfettamente realistico e perfino entrare nei vicoli dove Jack lo Squartatore assaliva le sue vittime.
  • Covent Garden è bellissima sempre, ma a Natale ancor di più: con il suo mercatino centrale, il grande albero e la maxi renna che campeggiano in piazza, in questo periodo merita a maggior ragione una visita con i bambini.

Dove mangiare con i bambini a Londra:

Partiamo da un principio: Londra è una città costosa. Non sarà difficile spendere 14 sterline (quasi 18 euro) per una pizza che di pizza poi non ha questo granchè. Con Fish and chips o gli altri fast food vi ritroverete un fegato tanto a fine vacanza, perciò…

Personalmente preferisco adattarmi alla cucina fusion, molto diffusa, ma la cosa bella è che quasi tutti i ristoranti offrono Kids Menu a prezzo ridotto e con porzioni ragionate (le porzioni, altrimenti, sono gigantesche!).

Se amate la cucina cinese potrete gustarla appieno nel quartiere di Chinatown, ma non aspettatevi il ristorante cinese economico, il quartiere è piuttosto caro.

Se volete sorprendere i vostri bambini, come abbiamo fatto noi, e magari festeggiare il loro compleanno (non vi costerà nulla in più), portateli al Rain Forest Cafè, zona Piccadilly, dove potrete mangiare immersi nella foresta pluviale, con animali, suoni ed addirittura pioggia molto realistici.

Shopping per bambini a Londra, dove?

Premesso che lo shopping a Londra merita un post a parte, il mio luogo preferito per meravigliare i bambini e riportare a nonni ed amichetti qualche souvenir sono i mercati.

A Camden Town il mercato è ricchissimo di cose da mangiare ed oggettistica e i negozi del quartiere sono davvero caratteristici e pieni di qualsiasi cosa si possa immaginare. Nello stesso luogo troverete cibo da tutto il mondo, abiti di tutte le fasce di prezzo, potrete persino personalizzare le vostre scarpe con dipinti in venti minuti o farvi un tatuaggio express.

Portobello Road offre invece un magnifico mercato diffuso di oggetti vintage, che farà felice anche molti genitori, ma fate attenti alle fregature!

Per chi invece vuole andare sul tradizionale e spendere poco, non avrete che l’imbarazzo della scelta, ma i miei preferito restano Primark  e Marks and Spencer, che tra l’altro sono uno di fronte all’altro.

Se poi decidete di rovinarvi, specialmente sotto Natale, fate una capatina da Hamleys, forse uno dei negozi di giocattoli più famosi al mondo, aperto da oltre 250 anni. Con i suoi sette piani resta il sogno di tutti i bambini e trovate la sede principale in Regent Street.

 

Comments (0)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *